Wordpress: guide e consigli per sfruttarlo al massimo

Scopri le nostre guide e consigli per sfruttare al massimo Wordpress, il più famoso ed utilizzato CMS al mondo.


SEO per WordPress

Blog
Tutorial SEO per WordPress

SEO per WordPress

Un tutorial SEO per scalare le classifiche della SERP con i siti WordPress

WordPress è uno dei migliori sistemi di gestione dei contenuti quando si tratta di SEO. Ma anche se è un sistema”out of the box”, c’è molto di più che si può fare per migliorare le prestazioni SEO per WordPress.

Ottimizzare il tuo sito utilizzando le tattiche e le migliori pratiche descritte in questo articolo ti aiuterà a migliorare il tuo posizionamento sui motori di ricerca, a guadagnare più abbonati o vendite e ad avere un sito web migliore in generale.

Poiché un buon SEO dovrebbe essere radicato in tutti gli aspetti del vostro marketing online e delle PR, questa guida copre un bel po’ di terreno!

Tabella dei Contenuti

1. Ottieni un’ottimizzazione SEO per WordPress di base

WordPress è un sistema di gestione dei contenuti piuttosto ottimizzato. Una configurazione di base può fornire un solido punto di partenza, anche senza un’ampia personalizzazione e l’ottimizzazione dei temi e dei plugin. Detto questo, ci sono alcune cose che dovreste fare per aumentare le vostre possibilità di posizionamento SEO per WordPress, perfezionare il vostro flusso di lavoro, e assicurarsi che il vostro sito web sia perfettamente ottimizzato.

Mettendo in atto le giuste impostazioni di base e applicando alcune semplici tecniche, potete assicurarvi di avere delle solide fondamenta su cui costruire un buon posizionamento SEO!

1.1. Controlla lo stato di salute del tuo sito web

Prima le cose importanti. Prima di apportare qualsiasi modifica al vostro sito, è una buona idea vedere dove vi trovate ora. C’è molto da guadagnare: far funzionare il vostro sito su un server moderno con un software aggiornato, presso un web host che offre grandi prestazioni. Quindi chiedetevi: su quale hardware e software funziona il vostro sito? Qual è il tuo piano di hosting? Stai utilizzando un provider di hosting condiviso a basso costo o hai investito in un piano di hosting dedicato presso un noto host web che ha messo a punto i suoi server per l’utilizzo con WordPress?

Per avere un’idea di cosa sta succedendo dietro le quinte del tuo sito, puoi installare il plugin Health Check. Questo plugin ti fornisce un sacco di informazioni tecniche e ti aiuta ad ottenere informazioni che terze parti possono utilizzare per migliorare il tuo sito.

L’Health Check è incredibilmente utile – tanto che il team di WordPress sta per includere il plugin nell’ambiente principale di WordPress.

1.1.1 Verificare di utilizzare un hosting adeguato

Secondo la pagina dei requisiti tecnici di WordPress, il piano di hosting consigliato per eseguire WordPress dovrebbe includere una versione moderna di PHP, MySQL o MariaDB, e il supporto HTTPS. È possibile lavorare con i vecchi software per server, ma questo non è raccomandato. Se avete installato il plugin Health Check, potete vedere i dettagli tecnici della vostra installazione. Inoltre, se si apre il cruscotto del proprio fornitore di hosting, si dovrebbe essere in grado di vedere su che tipo di piano si è in corso.

Ricordate, pagare per un buon hosting paga i dividendi anche in ottica SEO per WordPress.

1.1.2. Aggiornamento a PHP 7.0 o superiore

Molti siti WordPress funzionano ancora su versioni obsolete di PHP. Uno sguardo alle statistiche di WordPress rivela che quasi la metà dei siti gira ancora su una versione PHP della serie 5, mentre il PHP 7.0 e oltre è disponibile da più di tre anni.

La retrocompatibilità  è una bella cosa, ma impedisce a WordPress, in quanto tecnologia e proprietari di siti, di ottenere il massimo dai loro siti. Queste vecchie versioni di PHP non ricevono più correzioni relative alla sicurezza e sono quindi sempre più vulnerabili agli attacchi.

Per fortuna, il team di WordPress ha abbandonato il supporto per qualsiasi cosa più vecchia di PHP 5.6. Nel dicembre 2019 la versione minima supportata di PHP sarà portata a PHP 7.0. Dopodiché seguirà più da vicino il programma di rilascio di PHP.

Quindi, una delle cose più importanti che si può fare per migliorare le prestazioni e la sicurezza del proprio sito è aggiornare l’ambiente di hosting a una versione moderna di PHP. Ci sono molti benefici in questo senso:

  • PHP 7 offre un incredibile incremento di velocità.
  • Funziona in modo molto più efficiente, il che significa meno stress per il vostro server.
  • Porta un sacco di funzionalità in più rispetto alle vecchie versioni.
  • È un ambiente molto più sicuro.
  • È a prova di futuro.

Ora, questo è qualcosa che tutti noi vogliamo, giusto? Se avete controllato il vostro attuale set-up di hosting nella sezione precedente, avete un’idea di come il vostro sito funziona e quale versione di PHP state utilizzando. Se questo mostra un software server obsoleto come PHP 5.5, è una buona idea aggiornarlo, se possibile.

Tuttavia, prima di farlo, prestate particolare attenzione. Chiedete aiuto se non siete sicuri di quello che state facendo.

Ecco alcuni passi da fare:

  • (Sempre!) Fate un backup del vostro sito web.
  • Create un ambiente di staging locale basato su una versione moderna di PHP.
  • Installare il backup del tuo sito su quel server.
  • Testare accuratamente per vedere se tutto funziona correttamente.
  • Aggiorna il tuo sito live – il più delle volte, il tuo hosting provider può farlo per te.

1.1.3. Assicuratevi di utilizzare SSL e HTTPS

Storicamente, l’adozione dell’SSL (ottenere un URL HTTPS e l’icona di un lucchetto verde nella barra dell’URL del browser) era una tattica opzionale. Molti siti, probabilmente, non avevano bisogno del livello di sicurezza supplementare che l’SSL fornisce.

Ora, tuttavia, è obbligatorio avere un certificato SSL valido installato – i motori di ricerca possono “penalizzare” i siti senza certificati SSL validi e impostazioni (e/o mostrare avvisi accanto ai risultati della ricerca). È inoltre generalmente buona prassi che tutti i siti web utilizzino l’SSL, per evitare che gli hacker e i terzi possano intercettare richieste e dati.

Inoltre, molte moderne tecniche di velocità e prestazioni dei siti richiedono un’impostazione SSL/HTTPS valida. Per sfruttare le nuove e più veloci tecnologie web come HTTP/2, i browser come Google Chrome e Firefox richiedono che il sito web abbia un certificato SSL valido.

1.2. Controlla le impostazioni del tuo sito

Vale la pena di passare un po’ di tempo cliccando su tutte le sezioni del menu Impostazioni di WordPress, in quanto molte delle opzioni presenti possono avere un impatto sulla SEO per WordPress.

In particolare, vale la pena di controllare due volte le impostazioni di visibilità in Impostazioni → Lettura, per assicurarsi di non impedire accidentalmente ai motori di ricerca di indicizzare il vostro sito web. Questo danneggerebbe sicuramente la tua visibilità e il posizionamento SEO!

Dovresti anche assicurarti che le tue impostazioni di Scrittura e Lettura siano tutte impostate correttamente: tali impostazioni stabiliscono le tue categorie predefinite e ciò che dovrebbe essere visualizzato sulla tua homepage. Non dimenticate inoltre di dare al vostro sito un forte tagline (slogan) anche in Impostazioni → Generale!

1.3. Scegli la giusta struttura dei permalink

Le vostre impostazioni permalink definiscono il formato della vostra pagina e degli URL dei post, che può avere un grande impatto sulla SEO per WordPress. Quindi se stai creando un nuovo sito, una delle prime cose che dovresti fare è cambiare le impostazioni dei tuoi permalink, che puoi trovare in Impostazioni → Permalinks.

Se non si modificano le impostazioni di default, tutte le pagine e i post avranno URL che assomigliano a esempio.com/?p=123. Anche se questo va teoricamente bene, non è particolarmente bello e funzionale, e potrebbe avere un impatto su come gli utenti e i motori di ricerca percepiscono la qualità e la rilevanza delle vostre pagine.

La modifica della struttura permalink di un sito WordPress altera i componenti, l’ordine e la struttura degli URL del vostro sito web. È importante selezionare la struttura giusta al momento della configurazione iniziale del vostro sito web, poiché modificarla in seguito può causare problemi alla SEO per WordPress.

Di solito consigliamo di utilizzare una struttura che crei URL che assomiglino a esempio.com/nome-articolo/, o esempio.com/categoria/nome-articolo/, a seconda dell’importanza che si prevede di attribuire alla categorizzazione dei contenuti. Per la maggior parte dei siti WordPress, la scelta di una di queste opzioni sarà perfettamente adatta.

Per la prima opzione, è possibile modificare l’impostazione permalink su /%postname%/, in questo modo:cambiare le impostazioni del permalink in ‘Post name’, in Impostazioni → Permalinks.

Per includere la categoria, è possibile selezionare “Struttura personalizzata” e modificare il valore in /%category%/%postname%/.

Se in precedenza avevi come permalink il tuo p=, WordPress si occuperà di tutti i reindirizzamenti per te. Questo vale anche se cambiate da /%postname%/ a /%category%/%postname%/.

impostazioni permalink WordPress

1.3.1. Scegliere WWW o non – WWW

Dovete pensare a cosa volete che il vostro sito si presenti come www.esempio.com, o semplicemente esempio.com. Assicuratevi che nelle vostre impostazioni generali, in Impostazioni → Generale, la versione che volete mostrare si rifletta correttamente.

Dal punto di vista della SEO per WordPress, c’è poca differenza in entrambi i casi. Inoltre, la maggior parte delle configurazioni di hosting e server reindirizzerà automaticamente le richieste per la versione “sbagliata”, alla versione selezionata. Questo fa sì che questa sia principalmente una considerazione di branding. Chiedetevi quindi, “quale approccio è più adatto al vostro sito?” e decidete di conseguenza.

2. Ottimizzare i contenuti SEO per WordPress

Il vostro sito dovrebbe fornire i migliori contenuti sull’argomento scelto. Le persone sono alla ricerca di articoli coinvolgenti e autorevoli e di risposte affidabili alle loro domande. La scrittura di contenuti di alta qualità per il vostro sito WordPress inizia con le vostre idee uniche o con un’interpretazione distintiva di un particolare argomento. Questo significa anche presentare queste idee in modo ben strutturato e accessibile. Tutto questo vi aiuterà ad attirare il pubblico che cercate e a fidelizzarlo ai vostri contenuti e al vostro sito.

2.1. Ricercare ciò che i vostri utenti desiderano e di cui hanno bisogno

Prima di scrivere il vostro contenuto, dovreste pensare per quali termini di ricerca volete essere trovati. Ogni pagina o post dovrebbe essere ottimizzata per una specifica parola chiave o keyword.

Ma come si fa a stabilire per quale frase chiave si vuole essere trovati? Per scoprirlo, è necessario fare una ricerca per parole chiave. In questo processo, dovreste porvi domande come: per quali termini voglio posizionarmi? Quanto è realistico che io possa posizionarmi tra i primi risultati per questi termini di ricerca?

Immagina di avere un blog sulla cucina e di condividere con passione le tue ricette e tecniche di cottura preferite. Ottimizzare un post per un termine come [migliore ricetta per una torta] non è un obiettivo così realistico, perché è un termine molto generico. C’è molta competizione per termini così generici. Dovreste invece pensare a trovare la vostra nicchia. Questa nicchia potrebbe essere [ricette di torte salutari e a basso contenuto di zucchero] o [pasticceria francese che si può fare a casa].

All’interno di una nicchia, si può diventare un vero esperto. La vostra competenza può permettervi di creare contenuti che vanno al di là di quelli dei vostri concorrenti. Potete andare più a fondo degli altri, o fare luce su diverse angolazioni dello stesso argomento. Per questo, vorrete concentrarvi sulle parole chiave a coda lunga o long tail keywords. Una frase a coda lunga potrebbe essere questa [come fare un cheesecake vegano ai mirtilli a basso contenuto calorico]. Una frase come questa è più specifica e quindi più facile da classificare. Inoltre, sarà più adatta al vostro specifico argomento di nicchia.

È anche importante pensare a ciò che il vostro pubblico vuole effettivamente realizzare cercando un termine specifico. Questo si chiama intento di ricerca. Per esempio, potrebbero cercare la risposta a una domanda specifica e voi siete in grado di fornire le informazioni necessarie. Oppure potrebbero voler acquistare un prodotto specifico che voi potete offrire loro. Pensate alle esigenze dei vostri utenti e rivolgetevi a loro creando contenuti pertinenti.

2.2. Scrivi contenuti di qualità per i tuoi utenti

Dopo aver fatto la tua ricerca sulle parole chiave e aver conosciuto gli argomenti di cui vuoi scrivere, devi arrivare alla scrittura vera e propria. Il più delle volte è più facile a dirsi che a farsi. Per passare da un’idea a un grande contenuto, molto probabilmente dovrete seguire un ciclo di redazione, scrittura, editing e riscrittura.

La vostra prima bozza può essere solo un abbozzo della vostra struttura. A questo punto non dovete scrivere tutto in prosa perfetta, ma assicuratevi di seguire una struttura logica. Per la maggior parte dei pezzi, che comprenderà un’introduzione, i vostri punti principali di discussione e una conclusione. Naturalmente, questo varierà a seconda del genere – una ricetta avrà una struttura completamente diversa.

Potete approfondire ulteriormente i punti nella fase di scrittura, dove cercate di elaborare una prima versione completa del vostro testo. Infine, nella fase di editing, dovreste verificare se il vostro pezzo è accattivante e facile da leggere. Potresti essere un esperto del tuo argomento, ma il tuo pubblico probabilmente non lo è (ancora). Quindi cercate di rendere la vostra scrittura il più accessibile possibile. In caso di dubbio, è sempre meglio chiedere un feedback a un amico o a un collega. Un altro buon trucco è quello di leggere il vostro testo ad alta voce a voi stessi, vi darà un’idea migliore se tutto scorre bene.

2.3. Ottimizzate i vostri articoli e le vostre pagine

Quando scrivi o modifichi il tuo post, ci sono una serie di elementi a cui devi prestare particolare attenzione per renderlo SEO-friendly. Questi elementi includono le vostre sottovoci, il vostro titolo e la vostra meta descrizione. Tutti questi elementi devono riflettere l’argomento del messaggio specifico.

Non dimenticate che SEO-friendly non significa solo che è facile per un motore di ricerca afferrare l’argomento di una pagina. E, cosa ancora più importante, significa che i vostri visitatori possono ottenere il succo della vostra pagina con un solo colpo d’occhio.

La tua meta descrizione e il tuo titolo potrebbero essere un fattore decisivo per far sì che i visitatori clicchino sulla tua pagina nei risultati di ricerca. E una volta che hanno visitato il tuo sito, elementi come le sottovoci possono essere fondamentali per i visitatori per decidere se vogliono rimanere sul tuo sito.

2.3.1.  Impostare la(e) frase(i) chiave principale

Una regola importante nella SEO per WordPress è quella di non utilizzare una parola o frase chiave su più di una pagina. Altrimenti, potreste finire per cannibalizzarvi. La maggior parte delle volte, non ci si vuole posizionare per più pagine sulla stessa frase chiave o parola chiave, perché significa che ci si sta facendo concorrenza da soli. Questo fenomeno viene chiamato keywords cannibalization.

È anche importante includere la frase chiave o la parola chiave in elementi cruciali del tuo post, come il titolo, l’introduzione, i sottotitoli e la meta descrizione.

Tutti questi elementi sono cruciali per far comprendere ai motori di ricerca (e agli utenti) di che cosa parla il vostro articolo. Poiché la vostra main keyword è, in effetti, l’argomento principale della vostra pagina, è una logica conseguenza che dovreste fare in modo che questo argomento si rifletta in tutti questi elementi.

La stessa logica vale per il vostro testo nel suo complesso: dovete assicurarvi di non andare fuori tema; se rimanete in tema, sarà naturale che usiate la vostra frase chiave più volte in tutto il testo. Ma evitate di riempire il testo con la vostra keyword solo per il gusto di farlo. Se vi è difficile includere la vostra parola chiave nel testo un numero sufficiente di volte, potrebbe essere un segno che dovreste adottare un approccio diverso all’argomento.

Per evitare ripetizioni, potete usare dei sinonimi. I sinonimi sono parole che hanno un significato esattamente uguale o più o meno uguale alla vostra frase o parola chiave. I motori di ricerca riconosceranno che hanno lo stesso significato per cui, anche usando sinonimi, si verrà indicizzati per la parola chiave o frase chiave principale.

È inoltre possibile utilizzare le relative frasi chiave per ottimizzare una singola pagina per termini simili e correlati. Potete usare queste per dare un contesto alla vostra frase chiave. Per esempio, se la tua frase è [zuppa di zucca], la tua frase correlata potrebbe essere [cene della settimana invernale]. Questo secondo termine, più ampio, fornisce ulteriori informazioni sul vostro argomento. Può anche creare coerenza, stabilendo un link a pagine simili nel tuo post.

2.3.2 Ottimizza i tuoi permalink

Nella maggior parte dei casi, l’URL del vostro post dovrebbe probabilmente contenere la vostra parola chiave principale, in modo che sia ovvio già dal link di cosa tratti la vostra pagina. Detto questo, dovreste sempre cercare di mantenere i vostri permalink brevi, descrittivi e puliti – non metteteci parole inutili per il gusto di farlo!

Prima di pubblicare nuovi post o pagine, potreste anche considerare la possibilità di rimuovere le “function words” dal vostro permalink. Queste sono parole come “a”, “e” e “il”. Se fatto con attenzione, questo potrebbe rendere il vostro permalink più leggibile e più facile da usare o da collegare. Pagine con titoli particolarmente lunghi possono trarre vantaggio da questo approccio.

Per i post che sono già stati pubblicati, raccomandiamo di fare attenzione quando si cambia il permalink. Se le persone hanno già linkato alle vostre pagine, la modifica degli URL potrebbe creare dei problemi. Anche se WordPress a volte reindirizza gli utenti verso la nuova posizione, la modifica degli URL può avere un impatto sulle prestazioni.

2.3.3. Ottimizzare il titolo della pagina

Il titolo di ogni pagina – il contenuto del tag HTML può essere uno dei fattori più importanti per un buon posizionamento nei risultati di ricerca. Non solo è il titolo letterale della scheda o della finestra del browser, ma è anche la prima riga che le persone vedono nei risultati di ricerca. Descrive ciò che la vostra pagina è, o riguarda, e agisce come un annuncio che incoraggia gli utenti a cliccare.

Su molti siti web, la struttura predefinita per i post e le pagine non è necessariamente l’approccio più ottimale per la SEO per WordPress. Un titolo come “Il mio blog ” Cucina ” Ricetta alla carbonara” non è così avvincente ed efficace come “La mia deliziosa ricetta della carbonara in 20 minuti | Il mio blog”.

È fondamentale che pensiate alla struttura dei vostri titoli, così come al contenuto del titolo in ogni singola pagina.

I motori di ricerca possono dare più peso alle parole iniziali, quindi cercare di includere le parole chiave all’inizio del titolo potrebbe farti guadagnare più probabilità di posizionarti bene.

Le persone che scansionano le pagine dei risultati vedono per prime le prime parole. Se le parole chiave sono all’inizio del tuo annuncio la tua pagina ha più probabilità di essere cliccata.

Puoi controllare la struttura predefinita dei titoli e delle descrizioni delle tue pagine nel tuo plugin Yoast SEO. Ci sono due parti del plugin che li controllano. Prima di tutto, non appena si installa e si attiva il plugin, si ottiene una sezione ‘SEO’ nel vostro pannello amministratore di WordPress.

Navigate su SEO → Aspetto della ricerca e vedrete una serie di schede per i diversi tipi di pagine del vostro sito.

Per ogni tipo di post e tassonomia, è possibile impostare un cosiddetto Title Template – così come i modelli di meta descrizione. Questo permette di utilizzare componenti e variabili per controllare come i titoli delle pagine dovrebbero comportarsi di default. Naturalmente, questi possono essere sovrascritti pagina per pagina.

Ci sono tutti i tipi di variabili che si possono usare nei titoli e nelle meta descrizioni (meta descriptions), e sono tutte elencate e spiegate nella scheda di aiuto della pagina.

Per gli utenti avanzati, ci sono alcune caratteristiche aggiuntive interessanti. Per esempio, si può usare cf_ per inserire qualsiasi campo personalizzato – sia da un metavalore post o da un metavalore utente.

NOTA: Quando usate questi modelli, assicuratevi di controllare che i vostri tag di titolo si comportino come previsto quando vengono visualizzati sul sito. Se non lo fanno, potreste avere un problema con il modo in cui il vostro tema è costruito, e potrebbe essere necessario selezionare la casella di controllo “Forza riscrittura titoli” nelle nostre opzioni.

2.3.4. Utilizzare correttamente i titoli

Le intestazioni sono ottime per strutturare i contenuti e aiutare i lettori ad elaborare le informazioni in piccoli pezzi. Possono anche essere utili per descrivere l’impaginazione di una pagina e concentrarsi sui motori di ricerca.

WordPress trasforma le intestazioni che inserisci nei tuoi contenuti nei loro rispettivi tag HTML (h1, h2, h3 e così via). Questo rende importante pensare a quale tipo di intestazioni utilizzate e in quale ordine. Sbagliare può rendere il contenuto più difficile da capire.

Anche se la maggior parte dei temi per WordPress hanno le basi giuste, vale la pena assicurarsi che il tuo template imposti il titolo del tuo articolo con un tag h1, e che tu non stia usando tag h1 in nessun altro punto della tua pagina o del contenuto del tuo post.

Il contenuto del tuo post dovrebbe poi ‘fluire’ naturalmente; per esempio, titoli grandi e significativi dovrebbero usare tag h2, le sottosezioni dovrebbero usare tag h3, e poi le nuove sezioni successive dovrebbero usare h2.

2.3.5. Ottimizza la tua meta descrizione (meta description)

Una meta descrizione o meta description viene utilizzata principalmente dai motori di ricerca per mostrare una descrizione della vostra pagina nei risultati dei motori di ricerca, sotto il titolo della pagina.

La personalizzazione e la scrittura di una meta descrizione di qualità, possono incoraggiare gli utenti a cliccare sui vostri risultati nel motore di ricerca, anche se non siete necessariamente al primo posto. È un annuncio pubblicitario, e la vostra opportunità di impressionare l’utente.

Scrivere descrizioni convincenti e informative del contenuto della tua pagina per ogni pagina del tuo sito è la migliore pratica e ti dà l’opportunità di attirare più visite.

Anche se potrebbe sembrare un sacco di lavoro, creare descrizioni per ogni singola pagina e post, ne vale la pena.

Alcuni temi e plugin cercano di produrre descrizioni automaticamente, prendendo la prima frase di un post. Questa è una scorciatoia intelligente, ma raramente produce buone descrizioni.

La prima frase di un post è spesso un’informazione introduttiva, che non fornisce un grande riassunto o una pubblicità allettante!

L’unica descrizione ben scritta è quella scritta a mano, e se state pensando di auto-generare la meta descrizione, tanto vale non fare nulla, e lasciare che sia il motore di ricerca a scegliere e controllare il frammento di testo.

L’auto-generazione di un frammento di testo è una “scorciatoia”, e non ci sono scorciatoie reali nella SEO per WordPress!

Se non si fornisce una meta descrizione, il motore di ricerca generalmente cercherà di trovare la parola chiave che è stata cercata nella vostra pagina, e automaticamente sceglierà una stringa intorno ad essa – ed evidenzierà la frase cercata in grassetto nella pagina dei risultati.

I frammenti generati automaticamente (sia dai plugin che dai motori di ricerca) sono raramente così descrittivi o avvincenti come quelli scritti a mano. Quindi, si consiglia di utilizzare il campo meta descrizione che si trova nel plugin Yoast SEO per scrivere una meta description. Assicuratevi che attiri l’attenzione del lettore e che contenga almeno una volta la parola chiave del vostro post o della vostra pagina.

NOTA: I motori di ricerca possono scegliere di ignorare la meta descrizione se pensano che non sia adatta alla pagina, oppure possono scegliere di mostrare una descrizione personalizzata dal contenuto della pagina se pensano che sia più adatta. Non c’è modo di costringerli a usare il vostro specifico frammento.

2.3.6.  Ottimizzare le immagini e i media

Una parte spesso trascurata della SEO per WordPress è il modo in cui gestite le vostre immagini, video e contenuti multimediali.

Per fare in modo che i motori di ricerca possano comprendere le vostre immagini, dovete pensare a come nominare e formattare i vostri file. Anche la scrittura di descrizioni testuali accessibili e descrittive aiuta e può migliorare le vostre prestazioni in modo significativo. Come ulteriore vantaggio, aiutate anche i lettori che si affidano a tecnologie d’assistenza come i lettori di schermo.

2.4. Mantenete la qualità dei vostri contenuti

2.4.1 Mantenere il contenuto fresco e aggiornato

Poiché Google si sforza di mostrare ai suoi utenti le informazioni migliori e più aggiornate, è necessario tenere traccia dei tuoi contenuti più vecchi e rivederli regolarmente. Aggiornare i contenuti è utile anche perché non volete mostrare ai visitatori del vostro sito web informazioni obsolete, ridondanti o non corrette.

Se pubblicate regolarmente e avete centinaia, o addirittura migliaia, di post sul blog, è più facile a dirsi che a farsi. Ecco perché vi consigliamo di concentrarvi su due aree specifiche quando si tratta di mantenere i contenuti: aggiornare i contenuti fondamentali e prevenire la cannibalizzazione delle parole chiave.

2.4.2.  Aggiornare i contenuti fondamentali

Alcune pagine del tuo sito sono più importanti di altre. Il contenuto più prezioso del vostro sito si chiama contenuto fondamentale.

In breve, questi post o pagine:

  • contengono informazioni essenziali per il tuo pubblico;
  • sono completi, aggiornati e ben scritti;
  • mostrano autorità;
  • ottengono il maggior numero di link da post correlati all’interno del proprio sito;
  • hanno un rango superiore a quello dei vostri altri articoli sullo stesso argomento;
  • attirano la maggior parte del traffico organico verso il vostro sito.

Quando hai dei dubbi su da dove iniziare ad aggiornare i contenuti del tuo sito, dai sempre la priorità ai tuoi contenuti fondamentali. La tua attività si basa su di essi, e non dovrebbero mai essere trascurati e obsoleti!

2.4.3. Cannibalizzazione delle parole chiave

La cannibalizzazione delle parole chiave significa che ci si sta essenzialmente facendo concorrenza da soli, creando troppi articoli per le stesse o per simili parole chiave. Se avete una dozzina di articoli sullo stesso argomento, i motori di ricerca non sanno quale di questi dovrebbe essere il più alto. Di conseguenza, sarete in competizione con i vostri articoli per una posizione elevata nei motori di ricerca.

Se pubblicate spesso, un giorno o l’altro vi imbatterete in problemi di cannibalizzazione delle parole chiave. Ecco perché abbiamo creato un quadro di riferimento su come affrontare il cannibalismo delle parole chiave. In breve, dovrete farlo:

  • Scoprire per quali parole chiave sta accadendo;
  • Analizzare quale contenuto funziona meglio per quelle parole chiave;
  • Mantenere i post con le migliori prestazioni;
  • Decidere se fondere gli altri messaggi in quello con le migliori prestazioni;
  • semplicemente cancellarli e reindirizzarli.

2.5. Evitare i contenuti duplicati accidentali

2.5.1. Cos’è il contenuto duplicato?

Il problema dei contenuti duplicati si pone quando i motori di ricerca incontrano più URL con contenuti uguali o molto simili. Di conseguenza, i motori di ricerca non sanno quale di questi URL abbia un ranking più alto, con conseguente abbassamento del ranking per tutti.

Nella sezione precedente abbiamo già affrontato la cannibalizzazione delle parole chiave, che è causata dal fatto che si scrive troppo spesso sullo stesso argomento. Ma il più delle volte, la radice dei contenuti duplicati è tecnica e può accadere senza che ve ne accorgiate.

Ad esempio, alcuni sistemi di gestione dei contenuti aggiungono ID di sessione o parametri per il tracciamento degli URL. Oppure, si possono avere versioni www e non www di una certa pagina indicizzata. Di conseguenza, avrete più URL che mostrano esattamente lo stesso contenuto.

Oltre alle ragioni tecniche, i vostri articoli possono essere scartati o copiati da altre parti. Quindi, ci sono molte cause diverse per i contenuti duplicati.

2.5.2. Soluzioni per i contenuti duplicati

Il modo in cui si dovrebbe risolvere il problema dei contenuti duplicati dipende dalla causa del problema. In generale, ci sono tre modi per farlo – in ordine di preferenza:

Quando possibile, evitate di creare contenuti duplicati. Se il vostro sistema crea ID di sessione nell’URL, provate a disattivarli.

Non si può evitare di crearli? Reindirizza questi URL alla versione originale con un redirect 301.

Avete davvero bisogno di mantenere un articolo duplicato? Assicuratevi di aggiungere un link canonico alla versione originale nella sezione dell’articolo duplicato. Mostrerà ai motori di ricerca qual è la versione originale dell’articolo, in modo che possano passare il “succo del link” alla versione originale

2.5.3. Impostare un link canonico con Yoast SEO

Con Yoast SEO, è molto facile aggiungere un link canonico ad un post o ad una pagina. Non c’è bisogno di uno sviluppatore! Basta andare alla scheda Avanzate nella metabox di Yoast SEO sotto il tuo post o la tua pagina. Lì troverai il campo URL canonico dove potrai inserire l’URL dell’articolo originale – quello a cui vuoi puntare i motori di ricerca.

Se non si imposta un canonico, Yoast SEO imposterà per voi un canonico autoreferenziale. Questo significa che l’articolo punterà a se stesso. I link canonici auto-referenziati sono utili per la SEO per WordPress.

2.6.  SEO per WordPress per un pubblico internazionale

Per ottimizzare il vostro sito per il pubblico in diversi paesi o regioni linguistiche, dovrete ottimizzare sia i vostri contenuti che la vostra impostazione tecnica.

Cominciamo con gli aspetti contenutistici del SEO internazionale. Fare ricerche mirate sulle parole chiave e scrivere contenuti aggiornati e di qualità per ogni pubblico è fondamentale. Prendete gli articoli per l’abbigliamento, ad esempio. Un gilet americano è un capo d’abbigliamento completamente diverso da un gilet inglese, o da un gilet olandese, o da un gilet francese, o da un gilet spagnolo… il punto è chiaro. Sconsigliamo l’uso di traduzioni automatiche. Investite tempo e risorse in ricerche e traduzioni adeguate con cui ottimizzare le vostre parole chiave.

Un altro aspetto importante del SEO internazionale è la scelta della giusta struttura di dominio. Generalmente, un ccTLD diverso (ad esempio www.esempio.de) per ogni variante è una buona opzione solo per le aziende molto grandi con grandi budget. Nella maggior parte dei casi, le sottodirectory (ad es. www.esempio.com/de) sono la strada da seguire.

I motori di ricerca vogliono mostrare ad ogni visitatore la giusta versione linguistica del vostro sito, indipendentemente dal paese di provenienza. Per aiutarli, è necessario implementare l’hreflang. L’hreflang è un codice che indica ai motori di ricerca quali varianti linguistiche di una pagina sono disponibili e aiuta a prevenire problemi di duplicazione dei contenuti.

3. SEO per WordPress: gestisci le categorie e i tag

WordPress ha due modi predefiniti per strutturare i vostri contenuti: categorie e tag. Le categorie aggiungono una gerarchia ai vostri contenuti e raggruppano gli argomenti in modo ampio. In un sito web sulla cucina, la pasta potrebbe essere una categoria. I tag non sono gerarchici e possono essere usati per descrivere il tuo post in modo più dettagliato. I temi delle cene, per esempio, potrebbero essere un tag.

Quando configurate la struttura del vostro sito, scegliete una serie di categorie principali. Aggiungerle al vostro menu può essere una buona idea, soprattutto se avete solo un blog. Se avete un blog e diversi prodotti, un’impostazione diversa potrebbe avere più senso. Assicuratevi che le vostre categorie siano più o meno della stessa dimensione. Se le vostre categorie diventano troppo grandi, create delle sottocategorie. Le vostre pagine di categoria possono essere grandi landing page, soprattutto per i siti di eCommerce

I tag sono utili per gli utenti che esplorano gli argomenti, ma spesso vengono applicati in modo errato. È importante non usare troppi tag e utilizzarli più di una o due volte. Ricordate, volete raggruppare i vostri contenuti, non solo descriverli.

Se vuoi strutturare i tuoi contenuti in modo diverso, WordPress ti permette anche di creare tassonomie personalizzate. Valutate sempre attentamente se la vostra tassonomia personalizzata raggruppa i contenuti in modo sensato e aiuta i vostri visitatori.

3.1. Gestite le vostre pagine d’archivio

Se si utilizzano categorie e tag, si creano automaticamente pagine di archivio. Queste pagine contengono un elenco dei post e delle pagine all’interno di una determinata categoria o tag. Oltre alle categorie e ai tag, ci sono pagine di archivio basate sulla data e archivi di autori. Queste pagine di archivio devono essere gestite perché altrimenti causano problemi di SEO.

Prima di tutto, si vuole impedire ai motori di ricerca di indicizzare le pagine di archivio che non hanno senso sul vostro sito. Per questo si può utilizzare il plugin SEO di Yoast. Lo fai sotto SEO → Aspetto di ricerca: procedete disabilitando gli archivi che non utilizzate e non sono utili per i visitatori del vostro sito.

Se il tuo blog è un blog con un solo autore, o se pensi di non aver bisogno degli archivi degli autori, usa Yoast SEO per disabilitare gli archivi degli autori. Inoltre, se pensate di non aver bisogno di un archivio basato sulla data, disabilitatelo. Anche se non stai usando questi archivi nel tuo template, qualcuno potrebbe collegarsi ad essi e quindi intaccare il tuo WordPress SEO…

C’è un tipo di archivio che è “noindex, follow” di default nel plugin Yoast SEO: le proprie pagine di risultati della funzione di ricerca interna. Questa è una buona pratica di Google.

3.1.2. Impaginazione

Se hai molti post sul tuo sito WordPress, potresti voler pensare a come appare e funziona la tua impaginazione. Altrimenti, potresti scoprire che il tuo contenuto migliore è “sepolto” nel profondo del tuo sito, e gli utenti e i motori di ricerca potrebbero fare fatica a trovarlo.

Ci sono due cose, in particolare, a cui dovete pensare:

  • Dovreste controllare che il vostro tema supporti rel=”next” e rel=”prev” per gli archivi impaginati.
  • Dovreste considerare la possibilità di personalizzare l’aspetto e il funzionamento della vostra impaginazione in modo che sia un po’ più utile per gli utenti e i motori di ricerca. Consigliamo vivamente di dare un’occhiata al plugin WP-PageNavi!

3.2. Configurare i breadcrumbs

Probabilmente vorrete aggiungere i breadcrumbs ai vostri post e alle vostre pagine. Le “briciole di pane” sono i link, di solito sopra il post del titolo, che assomigliano a “Home > Articoli > SEO per WordPress”. Sono buoni per due cose:

  • Permettono ai tuoi utenti di navigare facilmente nel tuo sito.
  • Permettono ai motori di ricerca di determinare più facilmente la struttura del tuo sito.

Questi breadcrumbs dovrebbero rimandare alla homepage, e alla categoria in cui si trova il post. Se il post è in più categorie dovresti sceglierne una.

Per ottenere la navigazione breadcrumb per mostrarvi le vostre pagine, potrebbe essere necessario adattare i file single.php e page.php nel vostro tema, e includere il codice per breadcrumb dal plugin SEO di Yoast. Troverete le impostazioni e le istruzioni su come farlo nella sezione SEO → Aspetto della ricerca.

3.3. Gestisci le tue sitemap HTML e XML

È possibile utilizzare le sitemap XML per comunicare a Google e agli altri motori di ricerca che il vostro sito è stato aggiornato.

Per siti più grandi o più complessi, potrebbe avere senso fornire anche una sitemap HTML. Questa è una normale pagina del vostro sito web, che aiuta gli utenti a navigare verso contenuti più profondi o più specifici.

4. Velocizzate il vostro sito e migliorate la SEO per WordPress

Se il vostro sito web è lento, rischiate di frustrare i vostri utenti. Questo li rende meno propensi a impegnarsi, navigare, convertire o visitare di nuovo. Questo, a sua volta, può renderli meno propensi a condividere i vostri contenuti, a collegarsi alle vostre pagine o a raccomandare il vostro marchio.

In breve, la velocità è una parte importante della SEO per WordPress, e una parte enorme dell’esperienza complessiva dell’utente. Ciò significa che è fondamentale misurare e gestire le vostre prestazioni – soprattutto per gli utenti che utilizzano connessioni mobile o più lente!

4.1. Misura la velocità del tuo sito

La misurazione della velocità del vostro sito può creare confusione. Strumenti diversi danno punteggi e risultati diversi, e a volte anche informazioni contrastanti.

Google mette a disposizione uno strumento gratuito per misurare la velocità del vostro sito: si chiama Google Page Speed Insight e lo trovate a questo link.

4.2. Migliorare la velocità del sito

Una volta identificato cosa e dove si trovano i colli di bottiglia, la prossima sfida è quella di apportare modifiche all’hosting, al tema, ai plugin e a tutto ciò che influisce sulle prestazioni, per velocizzare il sito.

L’ottimizzazione della velocità delle pagine è una disciplina a sé stante che va ben oltre la SEO per WordPress. Ciò significa che le maggiori opportunità variano da un sito all’altro e da una situazione all’altra. Per alcuni siti, le soluzioni più facili potrebbero derivare dal cambio di hosting o dall’utilizzo di un CDN; per altri, potrebbe significare rivalutare il loro uso dei plugin, o alterando il modo in cui vengono caricati CSS e JavaScript.

5. Proteggi il tuo sito web WordPress

WordPress è la piattaforma più utilizzata al mondo per la gestione di siti web. Se da un lato questo è fantastico, dall’altro significa anche che WordPress è la piattaforma preferita degli hacker. Quando si gestisce un sito web WordPress, la piattaforma si occupa della sicurezza di base, ma ci sono cose che potete fare voi stessi per rendere il vostro sito web più sicuro.

A partire dal vostro login. Il nome utente predefinito in WordPress è admin, quindi cambiatelo prima. Altrimenti, la prima ipotesi di un hacker per il vostro nome utente è troppo facile. Lo stesso vale per la password. Password come ‘123456’ e ‘welcome01’ non sono sufficienti. Usa un gestore di password come 1Password o LastPass e scegli una password di 20+ caratteri. WordPress ha anche un certo numero di plugin per la verifica a due fattori, quindi aggiungere anche questo al tuo sito web è molto facile.

5.1. Effettuare backup regolari

La prossima cosa che dovreste fare è creare dei backup regolari. Nel caso in cui il vostro sito venga violato, o qualcos’altro vada storto – per esempio, quando si aggiorna un plugin o un tema -, è importante poter invertire quel cambiamento in un attimo. I backup regolari fanno in modo che questo possa essere fatto senza problemi.

In WordPress, c’è una vasta gamma di opzioni di backup tra cui scegliere: puoi decidere di utilizzare uno dei tanti plugin gratuiti oppure eseguire il backup manualmente tramite un client FTP o il pannello di controllo del vostro hosting.

5.2.  Rendere la configurazione WordPress del tuo sito più sicura

La configurazione del vostro sito inizia con la scelta della giusta società di hosting web per WordPress. Questo è solo l’inizio, in quanto ogni host farà del suo meglio per aiutarti, ma sarà comunque tua responsabilità trovare la configurazione giusta per il tuo sito

Un primo passo facile per migliorare la sicurezza è quello di limitare i tentativi di login. Limitando la quantità di persone che possono provare ad accedere al tuo sito web – chiudi il tuo modulo di login dopo cinque falsi login, per esempio – stai proteggendo la tua installazione contro gli attacchi di “brute force” e altri atti malevoli che prendono di mira quel modulo.

La prossima cosa da fare è assicurarsi che l’installazione di WordPress, inclusi i plugin e i temi, sia sempre aggiornata. Gli aggiornamenti potrebbero risolvere anche i problemi di sicurezza. Assicurati di controllare regolarmente la presenza di aggiornamenti e tieni aggiornata la tua installazione di WordPress.

Un’altra cosa importante da capire è che hai a che fare con la sicurezza ogni volta che aggiungi un nuovo utente o scrittore alla tua installazione di WordPress. Si tratta di dare i permessi solo a chi ne ha bisogno quando ne ha bisogno e solo per il tempo necessario. Non c’è bisogno di dare a un blogger ospite i diritti amministrativi per il vostro sito web, giusto?

Un’altra facile soluzione che vorremmo menzionare è quella di assicurarsi che i vostri file di template non possano essere modificati dal backend di WordPress. Potete farlo in Aspetto → Editor del tema. Quando un hacker è riuscito a superare il tuo modulo di login, questo è davvero il modo più semplice per aggiungere codice malvagio al tuo sito web. Questo comporta la modifica del vostro file wp-config.

5.3. Utilizzare il monitoraggio e i file di log

La sicurezza è un processo continuo. Dovete tenere d’occhio ogni violazione e mantenere il vostro sito web il più sicuro possibile. Per il vostro monitoraggio, potreste controllare il vostro sito regolarmente con il loro strumento Sitecheck. Ci sono diversi plugin che possono aiutarvi a proteggere il vostro sito WordPress. Scegliete il plugin che preferite, purché vi assicuriate che la sicurezza sia monitorata.

Può anche essere utile per tenere traccia di tutto ciò che accade sul vostro sito web tramite i file di log, come le modifiche dei file e gli utenti registrati. Ci sono diversi plugin e strumenti anche per questo. Tenere traccia di queste cose fa sì che possiate trovare irregolarità nella vostra installazione e agire su di esse, o trovare cosa è successo in caso di problemi di sicurezza.

6. Andate incontro alle esigenze dei vostri visitatori da mobile

La gente è sempre in movimento in questi giorni. Da città a città o da sala conferenze a sala conferenze. La gente aspetta in fila, al cinema, in panetteria, a pranzo. E cosa facciamo quando siamo in movimento o in attesa? Controlliamo il meteo, leggiamo le notizie, controlliamo i social media o ordiniamo i vestiti in quel nuovo negozio online di stilisti che il nostro amico ci ha inviato via Whatsapp, o iMessage. Inoltre, i nostri dispositivi mobili stanno diventando di fatto il modo di navigare in rete, anche quando siamo a casa, sdraiati sul nostro divano. In pratica visitiamo siti web principalmente dallo smartphone. Voi, in qualità di proprietari di siti web, avete bisogno di soddisfare i vostri visitatori mobile.

La quota di mercato dei dispositivi mobili ha superato quella dei desktop per quasi tutto il 2019. Ciò significa che se vi state ottimizzando solo per i visitatori desktop, non vi state ottimizzando per la maggior parte dei vostri visitatori. Naturalmente dipende dalla vostra nicchia specifica, poiché questi numeri potrebbero essere diversi. Google Analytics può darvi i numeri esatti circa il numero di visitatori che ricevete da desktop e da mobile.

Con una quota di mercato come questa, non c’è modo di considerare il vostro sito mobile come un ‘extra’. Forse è giunto il momento di fare del mobile l’opzione predefinita. È il momento di inserire la SEO mobile nella tua strategia SEO per WordPress.

6.1. Assicurati che il tuo tema sia adatto ai dispositivi mobile

Dopo esserti assicurato che il tuo sito sia veloce, assicurati che il tuo sito web, o meglio il tuo tema, sia mobile-friendly. Per rendere il tuo sito mobile-friendly inizia con l’assicurarti che i link non siano troppo vicini tra loro e che i pulsanti siano facilmente cliccabili. Il tuo font dovrebbe essere coerente e non dovrebbe essere troppo piccolo e le tue immagini non troppo grandi, sia nella dimensione del file che nella grandezza.

Vorremmo evidenziare qui di seguito due ottimizzazioni specifiche per il tema mobile.

6.1.1. Utilizzare tecniche di progettazione reattiva / adattiva

Il design reattivo significa che il design del vostro sito web si adatta alle dimensioni dello schermo che il vostro visitatore sta utilizzando. Potete farlo utilizzando specifiche media query CSS. La maggior parte dei temi di WordPress adotta ormai un design responsive.

Pensate a come usate le immagini sul vostro sito. Stai usando qualche miglioramento del testo o variazioni di font che potrebbero ostacolare una buona performance del sito web mobile? Il design reattivo ti aiuta a costruire un sito web più mirato. Questo ci porta alla seconda ottimizzazione:

6.1.2. Dare priorità a ciò che è importante per gli utenti mobile

Fate un passo indietro e guardate il vostro sito web: qual è l’intento dei vostri utenti? Perché visitano il vostro sito? Definite i quattro o sei motivi principali per cui i vostri utenti visitano il vostro sito web e concentratevi su questi. È importante mettere una call to action che induca gli utenti a convertire una volta visitato il vostro sito.

Ecco un esempio: Se hai un’attività locale, i due scopi principali degli utenti che visitano il vostro sito potrebbero essere chiamarti o trovare le indicazioni per la tua attività. Questo significa che potreste aggiungere questi come un menu speciale per cellulari, ad esempio, una specie di barra visibile in continuazione. Concentratevi sugli scopi principali dei vostri visitatori e rendete loro la vita il più facile possibile. Come trovarli? Chiedete ai vostri visitatori! Controllate anche su Google Analytics le pagine più visitate del vostro sito web mobile

Hai un’attività locale e vuoi approfondire l’argomento SEO per WordPress? Leggi il nostro articolo sulla local SEO!

6.2. Considerate l’utilizzo di AMP

Se si utilizza WordPress, è opportuno anche tenere in considerazione l’Accelerated Mobile Pages (AMP). AMP è un’iniziativa del 2015 di Google e permette di creare pagine mobili veloci semplificando e spogliando parte del design di un sito web. AMP  è utilizzato sia per contenuti statici che per contenuti dinamici come gli articoli di notizie. AMP ha requisiti di codice piuttosto rigorosi, quindi assicuratevi di convalidare le vostre pagine AMP frequentemente.

Una delle sfide che tu, in quanto proprietario di un sito web, potresti avere è quella di assicurarti che la versione AMP del tuo sito web si allinei con il tuo marchio. Assicurati che il tuo visitatore – abituato a visitare il tuo sito web desktop capisca ancora chiaramente che sta visitando le tue pagine. Fortunatamente, la differenza tra il design di tutte queste piattaforme può essere ridotta al minimo.

Se state cercando di avviare la versione AMP del vostro sito web WordPress, assicuratevi di controllare il plugin AMP ufficiale. Questo aggiungerà una versione AMP del vostro sito web dopo aver installato il plugin.

7. Analizza e migliora le tue prestazioni SEO per WordPress

Una buona campagna SEO non si basa solo sull’attuazione dei cambiamenti, ma anche sulla misurazione dell’impatto di tali cambiamenti, vedendo cosa funziona, cosa no e cercando sempre di migliorare le prestazioni. Google ha sviluppato due incredibili strumenti per analizzare i risultati del vostro sito web e per identificare nuove opportunità su cui concentrarvi in futuro.

Il primo, per analizzare i risultati, è Google Analytics. Aggiungendo Google Analytics al vostro sito web, vi assicurate che tutti i dati degli utenti vengano memorizzati nel vostro account. Potete, ad esempio, verificare quante visite ricevete dalle vostre pagine, quanti dei vostri visitatori convertono, quanti visitatori lasciano immediatamente il vostro sito web dopo essere atterrati su una determinata pagina e molto altro ancora. All’interno di Google Analytics potete vedere come si comportano i visitatori del vostro sito web.

Il secondo strumento serve ad analizzare il comportamento del vostro sito web e a vedere come i visitatori vi trovano nel motore di ricerca. Questo strumento è la Google Search Console. Esportando e ordinando le vostre query di ricerca e i dati delle impressioni, è facile identificare le opportunità in cui dovreste concentrarvi per migliorare i tassi di clickthrough (CTR), i contenuti e/o il posizionamento.

7.1.  Impostare e integrare Google Analytics

Misurare le prestazioni delle tue attività SEO per WordPress è fondamentale! Per iniziare con Google Analytics, è necessario creare un account. Per creare il tuo account, devi prima aggiungere un Nome Account. Questo potrebbe essere il nome della vostra azienda. Tuttavia, quando stai per aggiungere altri siti web al tuo account, ti consigliamo di scegliere un Account Name più generico. Inoltre, potete sempre cambiare il vostro Account Name in un secondo momento quando volete.

Dopo aver impostato il tuo account, è il momento di aggiungere una proprietà ovvero il sito web che vuoi monitorare. Inserire il nome del sito web e l’URL del sito. Assicurati di aggiungere l’URL preciso: http:// o https:// e con o senza www per raccogliere i dati giusti.

Ora siete quasi pronti a partire! L’ultimo passo per collegare il vostro sito web al vostro nuovo account Google Analytics è l’aggiunta del codice di tracciamento al vostro sito web. Dopo aver creato con successo il tuo account e aver aggiunto una nuova proprietà, dovrai aggiungere il tag con il codice di Google Analytics sul tuo sito.

Il modo più semplice per farlo all’interno di WordPress è l’installazione di uno dei tanti plugin che puoi trovare nella repository di WordPress: i plugin ti permettono di aggiungere il codice in maniera automatica, senza doverlo inserire manualmente nel codice del sito!

Per i lettori più tecnici, è anche possibile aggiungere il tag manualmente alla testa di ogni pagina web o aggiungere il tag a Google Tag Manager.

Ora che il tuo sito web è collegato a Google Analytics, inizierà a raccogliere i dati dei tuoi utenti.

Creare account Google Analytics

7.2. Crea il tuo account Google Search Console

Il secondo strumento che riteniamo importante mettere in piedi è la Google Search Console, molto utile se non fondamentale per validare le tue strategie SEO per WordPress.

Clicca su “Aggiungi una proprietà” sotto il menu a tendina della ricerca.

Inserisci l’URL del tuo sito web nella casella e clicca su ‘Continua’.

Dopo aver collegato il tuo sito web a Google Search Console, Google inizierà a raccogliere dati sulle prestazioni del tuo sito web.

7.3. Altri strumenti utili

Naturalmente, ci sono molti altri strumenti utili per ottenere preziose informazioni sul vostro sito web e per trovare opportunità di SEO. Ognuno ha i propri strumenti preferiti, quindi è importante iniziare a lavorare con strumenti diversi per scoprire quale di questi vi porta ciò di cui avete più bisogno.

Ci sono strumenti SEO all-in-one che ti danno una panoramica completa delle tue prestazioni e ci sono strumenti più approfonditi che ti danno dati più specifici. Pensate agli strumenti di velocità del sito, agli strumenti di duplicazione dei contenuti, agli strumenti di analisi del sito, agli strumenti di ricerca delle parole chiave e molto altro ancora.

8. Promuovi il tuo sito

Hai dedicato molto tempo e impegno ai contenuti del tuo sito e ti sei assicurato che i lettori possano trovare quei contenuti attraverso i motori di ricerca grazie alla SEO per WordPress, ma ci sono altri modi per far sì che le persone visitino il tuo sito WordPress e leggano i tuoi post. Ma come ottenere e far crescere un tale pubblico? Scrivere semplicemente dei post e metterli in circolazione non servirà a nulla: devi promuovere il tuo sito!

8.1. Incoraggiare l’engagement dei tuoi utenti

È sempre divertente interagire con i tuoi lettori, ma come riesci a convincerli a fidelizzarsi? Con fidelizzazione intendiamo tutti i diversi modi in cui le persone possono interagire con il vostro sito o con i vostri articoli. Potrebbe essere lasciando un commento su un articolo, condividere i vostri post sui social media o intervenendo sull’argomento trattato in generale.

Ma come riuscite a far sì che le persone interagiscano? Potete sempre chiederlo a loro! Scrivete in modo coinvolgente e poi chiedete ai vostri lettori la loro opinione. Quindi rispondete a questi commenti per mantenere viva la conversazione e costruire un rapporto con i vostri lettori.

8.2. Aumenta il tuo raggio d’azione

L’utilizzo dei social media è il modo migliore per raggiungere e far crescere il pubblico del vostro blog o del vostro sito. Dovreste essere attivi sui canali dei social media dove è presente il vostro (potenziale) pubblico. Facebook, Instagram, Pinterest e Twitter sono esempi di social media popolari.

8.3. Costruire una mailing list

Oltre a utilizzare i social media per promuovere il proprio blog, spesso è una buona idea investire in una newsletter digitale. Lasciate che la gente si iscriva alla vostra newsletter ed inviate regolarmente e-mail con i vostri ultimi post del blog e altri fatti rilevanti riguardanti il vostro sito e il vostro business.

Assicurati di offrire un campo per l’iscrizione sotto i post e in altri punti visibili del tuo sito web. Assicuratevi che la vostra newsletter sia mobile-friendly. Ma, soprattutto, assicuratevi che la vostra newsletter sia davvero qualcosa di speciale!

8.4. Ampliate i vostri contenuti

Il numero di post pubblicati ogni giorno è enorme, per questo è sempre più difficile distinguersi. I vostri articoli hanno una grande possibilità di perdersi nel vasto mare di contenuti. Per aiutare i vostri contenuti a raggiungere il loro pieno potenziale, dovete ampliarli.

Se i vostri contenuti sono originali e ben strutturati, probabilmente sarete in grado di raggiungere un nuovo pubblico.

Forse la pubblicità su Facebook o Instagram potrebbe essere un buon modo per raggiungere un nuovo pubblico per i vostri contenuti? Analizzate quali canali già utilizzate e decidete dove potete fare di più per ampliare il vostro pubblico.

Conclusioni

Questa guida analizza molti aspetti relativi alla SEO per WordPress. Si va dai consigli tecnici SEO ai consigli di conversione, ai consigli sui contenuti, ai consigli di conversazione e molto altro ancora. C’è un tranello però: se vuoi posizionarti per parole e frasi chiave altamente competitive, dovrai impegnarti a fondo nel creare contenuti di qualità, utili e ben strutturati per attirare gli utenti della ricerca organica su Google.

Siete in competizione con migliaia, milioni di siti web e business del pianeta che cercano, come te, di attirare nuovi utenti e migliorare le loro conversioni e vendite. Questo significa che dovrete impegnarvi a fondo per emergere ed avere risultati concreti!

Rivolgersi ad un esperto SEO è il metodo migliore per ottenere risultati soddisfacenti che abbiano effettivamente un riscontro nell’aumento dei visitatori e delle vendite / conversioni.

Share It
Facebook
Twitter
LinkedIn

Migrazione SEO: cosa fare e non fare nella migrazione di un sito web

Blog
migrazione seo

Migrazione SEO: cosa fare e non fare nella migrazione di un sito web

Le migrazioni di siti sono necessarie a volte, ma le classifiche SEO e il traffico possono diminuire se non si sta attenti

Tabella dei Contenuti

Allo SMX Next, Bruce Clay ha mostrato come i consulenti SEO possono assicurare il successo SEO durante le migrazioni dei siti.

Aggiornamenti di design, cambiamenti di dominio per un re-brand o fusioni di siti web possono rendere necessaria la migrazione di un sito web. Ma, con così tanti pezzi in movimento, il potenziale di errori – sia dal punto di vista del ranking che della funzionalità del sito – può aumentare se i proprietari del sito e i consulenti SEO non sono preparati.

Qui ci sono alcune delle più importanti cose da fare e da non fare che Clay raccomanda ai consulenti SEO di considerare durante la migrazione di un sito web.

Migrazione SEO: cosa fare quando si migra un sito web

Ci sono molti compiti da svolgere quando si migra un sito, ma i seguenti sono fondamentali per preservare il vostro ranking.

 

Fare un inventario dei vecchi URL. Prima di iniziare il processo di migrazione, i marketer e i proprietari di siti dovrebbero mettere insieme una lista di tutti i loro attuali URL. Questo stabilirà una linea di base da utilizzare come confronto con il nuovo sito. Clay ha sottolineato che l’esecuzione di questo inventario scoprirà inevitabilmente errori di URL come i codici di stato 400/500 o le catene di reindirizzamento, quindi i consulenti SEO dovrebbero prendere nota di questi prima della migrazione. I SEO possono estrarre questi dati utilizzando uno dei tanti strumenti di crawling gratuiti.

 

Fare un benchmark delle vecchie classifiche. La migrazione di un sito web comporterà quasi sempre dei cambiamenti nella classifica, e se non si conoscono le classifiche originali, può essere difficile capire cosa ha causato quei cambiamenti in primo luogo. Ecco perché Clay raccomanda di prendere nota delle classifiche del vecchio sito: “Vorrai fare un benchmark delle tue classifiche e qualsiasi metrica di performance che potresti avere. Vorrai eseguire i rapporti di analisi e chiederti, ‘Quali classifiche ho in questo momento? Come si sta comportando [il sito] e come potrò andare avanti?”.

 

Creare un backup del vecchio sito. I proprietari di siti dovrebbero fare regolarmente il backup dei loro siti, ma questo è ancora più cruciale durante il processo di migrazione. Se qualcosa va storto con il nuovo sito, avrete bisogno della vecchia versione per tornare indietro. I marketer dovrebbero consultare uno sviluppatore per assicurarsi che questo sia fatto correttamente.

 

Pianificare la navigazione e la struttura del nuovo sito. La struttura del sito è fondamentale per il successo SEO di qualsiasi dominio. E mentre alla fine dipende da voi il formato scelto, Clay raccomanda di implementare una struttura a silos con una gerarchia di pagine sul nuovo sito per garantire che il suo contenuto sia classificato nel modo più efficace.

 

Quando sei pronto a migrare i tuoi contenuti sul nuovo sito, assicurati di affrontare gli errori identificati durante il processo di inventario e assicurati che tutto sia pronto per essere trasferito.

Migrazione SEO: cosa non fare quando si migra un sito web

I consulenti SEO a volte possono essere così presi dall’alto volume di compiti di migrazione che non riescono a impostare il nuovo sito per il meglio. Ecco alcuni grandi “no-no” quando si tratta di trasferire il vecchio sito alla nuova versione.

 

Non cancellare il vecchio sito. Molti proprietari di siti potrebbero essere tentati di cancellare il vecchio sito una volta che il nuovo sito è attivo e funzionante, ma Clay raccomanda di tenerlo in vita per assicurarsi che tutti i contenuti e i segnali siano trasferiti: “Potresti mettere il vecchio sito sul disco rigido e rinominare semplicemente la directory. Ci sono molte cose che potresti fare, ma assicurati di avere il tuo vecchio sito e non toglierlo se non è necessario”.

Ha anche detto che alcuni webmaster finiscono per copiare il loro vecchio sito sul nuovo sito, solo per veder fallire il nuovo sito. Avere il vecchio sito live- assicurandosi che reindirizzi alla nuova versione – è fondamentale in queste prime fasi nel caso in cui qualcosa vada storto.

 

Non usare il file robots.txt del sito di prova. Prima di usare il nuovo sito dal vivo, non usate il file robots.txt del sito di staging, che potrebbe impedire ai motori di ricerca di indicizzare il vostro sito. È sempre meglio avere una nuova versione pronta per essere caricata prima che il nuovo sito vada live.

“Non copiate quel robots.txt in produzione o bloccherete quello nuovo”, ha detto Clay.

 

Non programmare la migrazione quando i livelli di traffico sono più alti. I proprietari del sito dovrebbero evitare di effettuare una migrazione mentre sperimentano alti livelli di traffico. Questo può interrompere l’esperienza dei vostri utenti e, in definitiva, provocare enormi perdite di traffico.

“Aspetta che i tuoi livelli di traffico siano un po’ più calmi”, ha detto Clay. “A volte questo è più difficile. Forse avete un sito che è attivo 24/7, internazionale o stagionale. Ma se avete intenzione di migrare e c’è un periodo di pausa, quello è il momento giusto per farlo”.

 

Non fatevi prendere dal panico se/quando le classifiche scendono. Ci sarà quasi sempre un cambiamento nelle classifiche dopo la migrazione di un sito, e questo va bene. A meno che non ci sia un errore grave – come un problema di reindirizzamento dal vecchio sito – queste fluttuazioni dovrebbero essere temporanee. Google e gli altri motori di ricerca hanno bisogno di tempo per ri-scansionare il tuo sito e prendere nota dei cambiamenti.

“Ci sarà un re-spidering in corso. Ci vorrà un po’ di tempo perché Google capisca cos’è il tuo sito. Sapete che state andando a prendere un colpo in molti casi ora. Abbiamo avuto casi in cui abbiamo fatto tutto bene, l’abbiamo migrato e non vediamo la perdita di traffico”.

“Questo è meraviglioso, ma non contateci. E qualunque cosa facciate, non fatevi prendere dal panico”, ha aggiunto.

Le migrazioni di siti sono complesse per progettazione, ma non devono essere disastrose per la vostro SEO. Con la giusta pianificazione, i consulenti SEO e i proprietari di siti possono godere dei benefici di un sito nuovo di zecca dopo il trasferimento.

Share It
Facebook
Twitter
LinkedIn

9 Fantastici siti web realizzati con WordPress

Blog

blank

9 Fantastici siti web realizzati con WordPress

Era il 27 maggio 2003 quando Matt Mullenweg e Mike Little creavano WordPress, una piattaforma che doveva cambiare la direzione e le tendenze di tutti i siti web. Da allora WordPress ha continuato a salire sempre più in alto nelle classifiche dei migliori CMS, grazie alla pulizia della programmazione e ad un’attenzione per l’integrazione di elementi e plugin utili per l’indicizzazione organica.
Fare SEO per WordPress è più semplice se segui i nostri consigli, dai un’occhiata a questo articolo!
All’età di 15 anni WordPress, con 75 milioni di siti web e il 58,7% di quota di mercato, è senza dubbio il CMS leader del mercato. Piccoli blog e siti web di fotografia personale, startup e le migliori aziende del mondo hanno scelto WordPress per la creazione dei loro siti web. Ecco una lista di 9 siti web assolutamente splendidi di cui probabilmente avete sentito parlare, ma che forse non sapete siano stati creati con WordPress:
  1. Katy Perry
  2. The official Star Wars Blog
  3. TechCrunch
  4. Sony Music
  5. BBC America
  6. MTV News
  7. The New York Times
  8. The Walt Disney Company
  9. The Rolling Stones

1. Katy Perry

blank

Non solo Katy è una regina del pop protagonista di MTV, con 13 premi Grammy e una lunga lista di altri, ma ha anche un fantastico sito ufficiale WordPress.

Facile da navigare e facile da usare, il suo semplice sito web mostra lo stile unico della pop star, fornendo informazioni sui prossimi tour, le notizie più importanti e una manciata di link facilmente navigabili alla musica dell’artista, ai prodotti più importanti, ecc.

Navigare sul sito è un tale piacere che potreste passare ben 3 ore a saltare da una pagina all’altra, controllando i prezzi dei top di Katy Perry e ascoltando la sua musica!

Il segreto tecnico del sito web di successo si nasconde nell’iconico tema personalizzato di Katy Perry e nell’uso dei più popolari plugin di WordPress, come WordPress SEO by YOAST, W3 Total Cache, Contact Form 7, Wordfence Security, nextGEN gallery, Meta Slider, WP Google Maps, The Event Calendar, Advanced Custom Fields, User Role Editor e WP-PageNavi.

2. The official Star Wars Blog

blank

Che la forza sia con voi quando iniziate a navigare in questo fantastico blog, perché potreste essere troppo ipnotizzati per fermarvi e tornare al vostro lavoro o a qualsiasi cosa stiate facendo.

Il tema personalizzato di Star Wars (versione 2.8.1), insieme a WP jQuery Lightbox, plugin Disney a doppio click, Panopress, W3 Total Cache, WordPress SEO by YOAST, i plugin WPML creano un paradiso per un sito divertente pieno di notizie, episodi migliori, giochi e applicazioni correlate, e una grande sezione della community dove si può leggere di quali cose pazzesche hanno attraversato la mente dei fan come te.

3. TechCrunch

blank

Minimalista e ben organizzato, il sito web del blog tecnologico leader mondiale si basa anche su WordPress.

L’enfasi di questo sito “serio” è posta sulla velocità e sulle prestazioni impeccabili, piuttosto che sullo stile, per cui ha senso mantenere quest’ultimo il più semplice e leggibile possibile.

Il sito gestisce il tema personalizzato TechCrunch e utilizza alcuni dei plugin più famosi al mondo, tra cui Akismet, WordPress Importer, Jetpack, e altri per fornire le notizie più fresche e gli eventi più recenti del mondo della tecnologia.

4. Sony Music

blank

Sony Music è proprietaria dei migliori e più riusciti contratti musicali al mondo, l’habitat discografico dei brani più famosi con i più grandi titani della storia della musica mondiale di tutti i generi, dal re del rock’n’roll Elvis Presley all’icona pop di oggi e la teenage girl preferita da Harry Styles, da Michael Jackson a The Clash e Kings of Leon, dai melismi romantici di Ricky Martin al depressivo rock elettronico e indie rock di Kasabian.

E proprio questo sito ufficiale della Sony Music è costruito con WordPress.

Utilizzando il tema personalizzato di SonyMusic, la cache W3 Total, il Jetpack e il SEO con i plugin YOAST, questo sito è alla moda, moderno e molto funzionale, con un cursore in alto che mostra i principali artisti delle attuali classifiche musicali, le principali notizie del mondo della musica e i link alla musica degli artisti presenti.

5. BBC America

blank

BBC America è una popolare rete americana di televisione a pagamento, di proprietà congiunta degli studi BBC e delle reti AMC, con sede a New York City.

WordPress è accreditato esclusivamente per il suo sito web mobile e user-friendly che presenta le più famose serie televisive e film, offrendo episodi completi e più, in un’unica piattaforma divertente e coinvolgente.

Il sito web offre in streaming Doctor Who, Being human, London Spy, Brit Awards, e altri show popolari ed è alimentato dal tema personalizzato della BBC America e da plugin (alcuni personalizzati) come Bbca Ie Advisory, Amcn Dfp Manager, Bbca Livestream, AMcn Common Analytics, Amcn Sweeps, e W3 Total Cache.

6. MTV News

blank

Niente è paragonabile a MTV nel regno della TV musicale! E, sì, ancora una volta, il sito di notizie di MTV è un sito WordPress. Un sito di grande successo.

L’elegante sfondo del tema personalizzato di MTV, i plugin W3 Total Cache e Jquery, i cursori e le viste a mosaico delle immagini sparse delle celebrità vi daranno accesso alle informazioni sui nuovi album di tendenza e sui risultati delle cerimonie di premiazione, sui singoli che stanno per uscire e sui nuovi pettegolezzi delle celebrità.

Tutto questo è racchiuso in un sito web ludico e di veloce elaborazione con un sacco di attributi interessanti per dare forma a un’esperienza utente unica.

7. The New York Times

blank

Proprio come New York City è considerata il centro del mondo, il New York Times è il centro di tutto ciò che accade nel mondo.

Dalle ultime notizie nel mondo della politica alle pubblicazioni più importanti e alle mostre d’arte, dalle conquiste della scienza alle notizie sportive, il New York Times copre assolutamente ogni argomento nel suo popolarissimo sito web WordPress.

Su un semplice sfondo bianco, utilizzando il tema personalizzato nytco creato dal team di sviluppo del NYTimes, Akismet, WordPress SEO by Yoast, Contact Form 7 e i plugin di WordPress Importer, il sito web del New York Times dà l’impressione di leggere un vero giornale.

Anche i font e la vista a mosaico degli articoli sulla pagina sono personalizzati per rendere il sito il più vicino possibile a un vecchio giornale scolastico.

8. The Walt Disney Company

blank

Divertente come Topolino, veloce come Aladino sul suo tappeto, bello come Cenerentola, premuroso come Ariel, diretto come Mulan e semplice come Lilo, il sito WordPress della Walt Disney Company ricrea il sogno magico che è Disney World su una piattaforma online.

Non importa se eravate appassionati delle piccole principesse Disney o del pazzo Peter Pan o dell’adorabile Simba, molto probabilmente a un certo punto della vostra vita eravate fan di una creazione Disney e avete sognato una vita simile a quella di quei personaggi.

E anche se Belle e la Bestia non invecchiano mai, la Disney continua a muoversi e a sorprendere i suoi devoti, visitando questo sito web potrete conoscere i personaggi nuovi o vecchi, le iniziative benefiche dell’azienda e molto altro ancora.

Il tema responsabile di questo magnifico sito è il tema personalizzato TWDC della Disney Interactive.

I plugin più famosi che il sito utilizza sono WordPress SEO di YOAST, WP-PageNavi, W3 Total Cache, User Role Editor, Regenerate Thumbnails, Disney Analytics, ecc.

9. The Rolling Stones

blank

Oggi, mentre Adam Levine confessa il suo sogno di muoversi come Jagger, i ragazzi della vecchia scuola rock possiedono già uno dei siti web WordPress più cool della storia della cultura rock.

Tutta la musica, le notizie, le date dei tour, il negozio ufficiale di Rolling Stones e altro ancora si possono trovare sul sito web minimalista e facile da usare delle leggende del rock.

Il sito ha un tema personalizzato – il RollingStones 2014 (versione 2.2) – ed è supportato da una serie di giganti dei plugin come Akismet, The WordPress Importer, TinyMCE Advanced, Google Analytics for WordPress, Advanced Custom Fields, Regenerate Thumbnails, ecc.

Nonostante la concorrenza, WordPress continua ad evolversi e a migliorare giorno dopo giorno. Come CMS open source, viene sviluppato e arricchito con nuovi plugin, servizi e temi fatti per stare al passo con i drastici cambiamenti dei modelli di web design.

Share It

Facebook
Twitter
LinkedIn