Blog

Schema.org lancia il suo strumento di validazione dello schema markup

Diversi mesi dopo che Google ha detto che avrebbe deprecato lo strumento di test dei dati strutturati, Schema.org ha lanciato il suo validatore di markup

Schema.org ha lanciato il suo strumento di convalida dello schema markup su validator.schema.org, come ha annunciato l’organizzazione questo pomeriggio. Il validatore di markup aiuta a convalidare i dati strutturati sul tuo sito e viene utilizzato per scopi generali, al di fuori dello strumento di test dei rich snippet di Google

Dopo il contraccolpo dell’industria, Google ha deciso di spostare lo strumento di test dei dati strutturati dalla proprietà di Google a Schema.org.

Differenze tra Google e Schema.org.

Lo strumento di test dei rich snippet di Google è progettato per mostrare solo lo schema dei dati strutturati supportato da Google. Ma il validatore di markup Schema.org è più per “scopi generali” e mira ad aiutarvi a fare il debug di molti altri tipi di dati strutturati, ben oltre quelli supportati da Google.

Strumento dei rich snippets

Lo strumento dei risultati ricchi sarà sul sito di Google, progettato e mantenuto con lo scopo di mostrare i tipi di risultati ricchi di Google Search. Google ha detto che “per testare il vostro markup per i tipi di risultati ricchi di Google Search, potete continuare a usare il test dei rich snippets“.

Strumento di test dei dati strutturati

Tuttavia, Google migrerà lo strumento di test dei dati strutturati fuori dal dominio di Google e su schema.org. Google ha detto che “per sostenere meglio gli standard aperti e l’esperienza di sviluppo, stiamo rifocalizzando lo strumento di test dei dati strutturati e migrando su un nuovo dominio che serve la comunità schema.org entro aprile 2021”. Google ha spiegato che “lo scopo principale dello strumento sarà quello di controllare la sintassi e la conformità del markup con gli standard di schema.org.” Tuttavia, andando avanti lo strumento di test dei dati strutturati non controllerà più i tipi di risultati ricchi della ricerca di Google. 

Nuovo validatore di markup di Schema.org

Ryan Levering di Schema.org ha detto che questa versione è “più semplice del suo predecessore SDTT perché è dedicata a controllare che state usando JSON-LD, RDFa e Microdata in modi ampiamente compresi, e ad avvisarvi se state usando i tipi e le proprietà di Schema.org in combinazioni insolite. Non cerca di controllare il vostro contenuto rispetto alle esigenze di informazione di specifici servizi, strumenti o prodotti (un argomento che merita un proprio post sul blog). Ma vi aiuterà a capire se i vostri dati esprimono o meno ciò che sperate che esprimano, e a riflettere l’essenza dei vostri dati strutturati in un modo intuitivo che riflette il suo significato sottostante”.

Il servizio validator.schema.org è alimentato dall’infrastruttura generale di Google per lavorare con i dati strutturati, ed è fornito al progetto Schema.org come strumento ospitato da Google. Siamo anche felici di notare che molti altri validatori orientati a schema.org sono disponibili, sia commerciali (ad esempio Yandex) che opensource. Per esempio, gli strumenti Structured DataLinter, JSON-LDPlayground, SDO-Check e Schemarama. Speriamo che il nuovo Schema Markup Validator stimoli la collaborazione tra i produttori di strumenti per migliorare la coerenza e l’esperienza degli sviluppatori per tutti coloro che lavorano su sistemi che consumano dati Schema.org.

Perché ci interessa

Questo ci dà un altro strumento che possiamo usare per convalidare i dati strutturati che aggiungiamo ai nostri siti. Dovrebbe darvi più strumenti per supportare il vostro lavoro sui dati strutturati e risolvere i problemi sui vostri siti web.

Share It

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn
0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *