Blog

Strategie SEO White Hat

Strategie SEO White Hat per combattere le “distorsioni” dei motori di ricerca

Mentre si possono considerare i motori di ricerca come uno strumento neutro per l’interrogazione, in realtà i motori di ricerca sono creati da individui affiliati all’azienda e funzionano come qualsiasi prodotto. Sono progettati per soddisfare il consumatore e avvantaggiare finanziariamente il produttore.
Anche se questa visione realistica dell’intento dei motori di ricerca non dovrebbe necessariamente far scattare l’allarme, ciò che potrebbe preoccuparvi è il modo in cui i motori di ricerca servono i risultati.
Google, in particolare, interviene algoritmicamente per rimuovere i risultati dello spam che il motore di ricerca ritiene inutili per il consumatore.

Mentre è indiscutibile che meno spam sia una cosa buona e gradita, cosa succede se Google ritiene che il vostro sito sia spam?

Oltre alla rimozione dello spam, Google è un abituale booster di grandi aziende come Amazon e Facebook.
I grandi nomi possono superare le piccole aziende quando si tratta di SEO, e in genere offrono una selezione più ampia di articoli in grado di soddisfare il consumatore. Detto ciò, questo “pregiudizio o distorsione” di Google può mettere in cattiva luce il vostro sito seppellendolo sotto le offerte dei grandi nomi.
È necessario lavorare attivamente per garantire che il vostro sito si posizioni al meglio, soprattutto nei confronti dei grandi player del web.

Come sono influenzati i motori di ricerca?

Quando si incontra la parola “distorsione” o “pregiudizio”, si potrebbe associarla a connotazioni nefaste.
Sebbene sia affermato che Google inclini i risultati di ricerca contro particolari orientamenti politici, quando si tratta di motori di ricerca, Google tende in generale a sbagliare troppo sui desideri percepiti del pubblico.
Gli algoritmi di ricerca di Google si basano su una serie di informazioni, tra cui la formulazione della vostra richiesta, l’affidabilità delle fonti, la rilevanza delle pagine e innumerevoli altri fattori. Anche la vostra posizione e le impostazioni possono aiutare Google a scoprire le informazioni più rilevanti per la vostra ricerca.
È evidente che l’aggregazione di queste informazioni si presta a suggerire fonti che cercano di abbinare e soddisfare i comportamenti passati, così come altri indicatori che li definiscono.
Oltre a questi algoritmi, il bias di Google può essere influenzato dall’autorità di dominio (DA), una metrica di ranking che indica sia il successo del vostro sito nel ranking sui motori di ricerca, sia la competenza percepita del vostro sito su un argomento specifico.
Il DA è misurato da vari fattori, tra cui i link in entrata, che sono di vitale importanza per il calcolo del punteggio. Con una maggiore quantità di link in entrata da altri domini rilevanti, nella maggior parte dei casi si ottiene un punteggio DA aumentato.

L’effetto della polarizzazione dei motori di ricerca sulle imprese

Purtroppo, i pregiudizi (utili o meno) possono avere un impatto significativo sulle piccole imprese che hanno pochi link in entrata e pochi contenuti. Per le grandi organizzazioni con portafogli altrettanto grandi, la creazione costante di contenuti può far guadagnare link in entrata e ottenere un alto punteggio DA, aiutandole a raggiungere le prime posizioni nelle pagine dei risultati dei motori di ricerca (SERP).
Collettivamente, i fattori di cui sopra possono limitare fortemente la visibilità dei risultati di ricerca del vostro sito. Non solo siete in competizione con i grandi marchi, ma state anche perdendo la trazione della SERP se non state reclutando attivamente i link in entrata e stabilendo le competenze.
C’è anche la possibilità che il vostro DA diminuisca quando un sito molto popolare (pensate a Twitter) guadagna un gran numero di link in entrata, sgonfiando il vostro ranking di ricerca e abbassando il vostro punteggio complessivo DA.
Per siti grandi come Twitter o Amazon, non c’è molto che una piccola impresa possa fare per competere con il numero di link in entrata e il conseguente alto numero di DA. Tuttavia, si può puntare a guadagnare un punteggio più alto rispetto ai concorrenti utilizzando strategie white hat per combattere il pregiudizio di Google.

Strategie etiche per combattere i pregiudizi dei motori di ricerca

Anche se quanto sopra può sembrare scoraggiante per i proprietari di piccole e medie imprese che cercano di accaparrarsi qualche posizione top nella SERP (pagina dei risultati dei motori di ricerca), è possibile utilizzare diverse strategie per aiutarvi a competere per quelle classifiche.
Incorporando i seguenti quattro approcci nella vostra strategia SEO, potete competere nella battaglia per la visibilità nei risultati dei motori di ricerca.

Concentrarsi su un singolo argomento

Se da un lato è chiaro che il bias di Google significa fornire risultati da siti di grandi nomi, dall’altro l’algoritmo è parziale anche per i siti che si concentrano su un singolo argomento in profondità.
Questa strategia non solo vi aiuta a guadagnare punti nell’algoritmo di Google, ma vi aiuta anche ad affermarvi come esperti del settore nel vostro campo.
Invece di creare una gamma di contenuti, concentratevi su un singolo argomento che soddisfi ogni componente del percorso dell’acquirente e costruite una mappa dei contenuti a partire da lì.
Questo compito potrebbe sembrare travolgente a causa dell’enorme quantità di contenuti potenziali, quindi ecco tre punti di partenza:
• Contenuti che educano sui temi dei primi passi del processo di acquisto/formazione dei potenziali clienti
• Contenuti che evidenziano il vostro punto di vista su quel determinato argomento
• Contenuti che spiegano le prospettive del settore sull’argomento

Pertinenza del sito

Quando si parla di motori di ricerca, la parola “rilevanza” si riferisce a quanto il contenuto di un sito è correlato al termine di ricerca attivo.
Proprio come la DA, la rilevanza è di vitale importanza nel determinare dove il vostro sito atterra sulle SERP per una specifica interrogazione.
Per migliorare il tuo punteggio di rilevanza del sito, dovresti determinare l’intento intorno alla ricerca degli utenti e creare una strategia di contenuto che corrisponda a quelle richieste.
Inoltre, assicuratevi di essere rilevanti per le richieste degli utenti, avendo le informazioni aziendali più aggiornate sul vostro sito e i profili di ricerca locali.

Guadagnare link in entrata (link earning)

I link in entrata (o backlink) sono link che arrivano al tuo sito da una fonte esterna. Questo tipo di link fa un grande lavoro per migliorare l’esperienza percepita del vostro sito. Se un altro sito si collega al vostro contenuto come punto di chiarimento o per ulteriori informazioni, siete chiaramente un esperto del settore.
Anche se tutto questo sembra meraviglioso, come si guadagnano i link in entrata? Con molte strategie disponibili per gli esperti di marketing, qui di seguito sono riportati i nostri cinque migliori passi per il successo che possono aiutarvi a far crescere il vostro numero di link in entrata e a ridurre i pregiudizi di Google.

Ottenere i link in entrata

Quando si scrivono buoni contenuti, possono accadere molte cose buone.
I link editoriali in entrata sono il Santo Graal del link building: sono gratuiti e duraturi.
La prossima volta che lavorerete al contenuto, considerate il vero valore del pezzo e valutate come il vostro pubblico lo utilizzerà.
Se è utile per il vostro settore e include una guida “Come fare per..”, è probabile che possa farvi guadagnare almeno un link editoriale in entrata. Questo “solo” perché hai scritto un ottimo contenuto.

Crea delle infografica

L’infografica è un ottimo strumento. Permette una rapida diffusione delle informazioni senza bisogno di una grande lettura.
Quando si crea un’infografica su argomenti rilevanti per il proprio settore, può aumentare in modo esponenziale la probabilità che un altro content marketer veda la vostra grafica e la utilizzi linkandola nel suo prossimo post.

Dare ciò che si ottiene

Anche se stiamo parlando di link in entrata, non possiamo sottovalutare la potenza dei link in uscita. Collegandoti ad altri utenti del tuo settore, fai crescere la tua comunità.
Non solo, ma si aumenta anche la probabilità che il sito collegato in uscita restituisca il favore sotto forma di link in entrata.

Creare contenuti unici

Noti la mancanza di contenuti sul vostro settore specifico? È probabile che non siate i primi a notare buchi nei contenuti.
Quando si riscontrano contenuti mancanti, si dovrebbe dare priorità e riempire le lacune informative.
Questa strategia non solo avvantaggia il vostro sito, stabilendovi ulteriormente come esperti del settore, ma crea anche l’opportunità per altri nel vostro settore di collegarsi ai vostri contenuti, guadagnandovi un numero ancora maggiore di link in entrata.

Creare contenuti ricchi di informazioni e abbastanza lunghi

Se non state scrivendo contenuti lunghi (sì, con molte parole e informazioni), domani dovete iniziare a farlo!
I contenuti ricchi di informazioni e testo (di qualità, ovviamente!), possono ottenere una maggiore visibilità online nella misura di “mi piace” e “condividi”, un’opportunità per impegnarsi maggiormente con la vostra comunità e fungere da chiaro esperto competente del settore.

In che modo i contenuti lunghi e di qualità aiutano a combattere i bias di Google?
Uno studio serpIQ ha confermato che il contenuto più performante di solito ha più di 2.000 parole.

Questa ricerca sottolinea la constatazione che in molti casi i contenuti lunghi sono molto più preziosi per gli utenti rispetto alla loro controparte più breve.
Ora che sappiamo che i contenuti ricchi funzionano meglio, come può eliminare i pregiudizi di Google e contribuire a rendere il vostro sito più visibile ai futuri consumatori?
Di seguito sono riportati i due motivi principali per cui questi tipi di contenuti possono aiutare il vostro sito ad emergere dall’ombra dei grandi marchi.

Autorità

Abbiamo parlato dell’importanza di mostrare una competenza specifica in tutti gli sviluppi dei contenuti, per porsi come esperto del settore di riferimento.
Quando si creano ampie guide, post sul blog, libri e altre forme di contenuti di qualità, non solo ci si afferma come esperti tra i propri “colleghi”, ma si comincia anche ad affermarsi come esperti nei motori di ricerca.
Questo può dare ai vostri contenuti e al vostro sito una possibilità molto più grande di essere visti da un utente non indottrinato e di superare gli attuali pregiudizi e distorsioni di Google.

SEO

Quando si creano contenuti lunghi e di qualità, si hanno quasi infinite possibilità di utilizzare parole chiave a proprio vantaggio.
In contenuti più brevi, l’impiego di più parole chiave può rappresentare una sfida, ma con un elevato numero di parole chiave si hanno maggiori opportunità di far lavorare il più possibile le vostre keywords, migliorando l’indicizzazione.
Quando iniziate a posizionarvi su alcune delle vostre parole chiave identificate, il vostro sito può iniziare a salire nelle classifiche SERP, rendendovi più visibili agli utenti, fornendo un vantaggio sui vostri concorrenti e rimuovendo i pregiudizi esistenti su Google.

Conclusione

Sebbene sia indiscutibile l’esistenza di un bias (pregiudizio o distorsione) di Google, è importante ricordare che tale pregiudizio di Google non è intrinsecamente negativo, e non significa che le piccole imprese non siano in grado di superare le barriere di ricerca e posizionamento.
Incorporando gli elementi visti in questo articolo nella vostra strategia digitale, potete iniziare a superare le distorsioni di Google e iniziare ad aumentare il rango del vostro sito sulle SERP.
Mentre implementate queste strategie, tenete a mente l’intento del vostro utente e ricordate di non creare contenuti fine a se stessi. Come la maggior parte delle cose, quando si tratta di strategia dei contenuti, la qualità prevale sulla quantità.

Share It

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su linkedin
LinkedIn